La stanza delle grida, di Simone Lega

La casa editrice Graphe.it Edizoni pubblica, nella sua collana eTales, ebook di autori per lo più emergenti. Simone Lega, già noto agli intenditori per il racconto I monacheddi, pubblicato nell’antologia Mistero (Il Mondo Digitale Editore), ci presenta questo racconto a metà fra l’horror e l’onirico. La Stanza delle grida è una discesa nell’inferno personale del giovane Santo, ragazzo geloso e possessivo che – a causa di continue elucubrazioni sul suo rapporto con Barbara – perde il controllo dell’auto. L’incidente che ne consegue lo catapulta in un mondo allucinante, dove tutte le sensazioni sono amplificate. Tutto è pulsione sessuale. Questa è la morte? Un continuo frenetico bisogno fisico di dare sfogo alla rabbia del piacere?

Simone ci presenta una storia a tinte fosche, dove la realtà e l’allucinazione si confondono, nella mente di Santo come in quella del lettore, affondando le radici nell’eros e nel noir, sapientemente annaffiate con pennellate horror. Un leggero calo si avverte nella parte centrale, quando la focalizzazione si sposta sui medici dell’obitorio, ma basta poco perché si ritorni prepotentemente nella mente di Santo. E in quella stanza, dove le grida sono assordanti.

Poche pagine che si divorano rapidamente, fino al crudissimo finale.

Tre coltelli.

(Daniele Picciuti)


This entry was posted in Il Terzo Occhio - Recensioni and tagged , , . Bookmark the permalink.