Amy Jade Winehouse – Un gioco a perdere (Parte II)

L’AMORE E’ UN GIOCO A PERDERE

Leggete la prima parte sul sito e l’articolo completo su Knife.

Love Is A Losing Game è il quinto e ultimo singolo estratto da Back to Black, il cui titolo in italiano significa “L’amore è un gioco a perdere”. Il brano merita un’attenzione particolare da parte di Nero Cafè, in quanto è stato premiato con un Ivor Novello, per il miglior testo musicale del 2008.

Conosciuto anche come The Ivors, il riconoscimento è dedicato ai compositori e agli scrittori musicali, britannici e irlandesi. Molto ambito e popolare, è esaltato da cantanti, musicisti e famose testate giornalistiche come The Times, che lo considera “l’oscar dell’industria musicale”.

Dopo tante amarezze, sarà ancora la sua musica a darle le maggiori soddisfazioni. È lo stesso quotidiano inglese a testimoniare l’inaspettato nuovo successo con un articolo dal titolo emblematico: “Amy Winehouse entra a Cambridge”. Soltanto una settimana dopo la premiazione, infatti, l’analisi di Love Is A Losing Game verrà sottoposta agli studenti di letteratura inglese, all’ultimo anno della prestigiosa università. Il tema d’esame consisterà nella critica al testo, contrapposto ad opere di scrittori britannici quali Shakespeare, Milton, Wordsworth e Sir Walter Raleigh. Verrà anche chiesto loro di confrontare i poemi di Raleigh con altre due canzoni: Fine and Mellow di Billie Holiday e Boots of Spanish Leather di Bob Dylan.

L’esame ha suscitato opinioni molto contrastanti, in Gran Bretagna. Ne è nata una polemica, che si è potratta per giorni sui quotidiani, specialmente a causa della dissoluta vita della musicista e cantante. Mi ha molto colpito l’opinione di uno studente, letta sul sito del The Time: “Mai considererò una controversa cantante pop come una figura letteraria”. L’università non è comunque nuova nel proporre analisi simili agli esaminati. Nel 2001, sotto la lente di ingrandimento finirono la tragedia nella letteratura e il brano Tragedy dei Bee Gees.

Ma fornire maggiori spunti di interesse, come vedremo, è proprio il confronto tra il testo di Love Is A Losing Game, scritta a quattro mani dalla Winehouse e dal produttore Mark Ronson nel 2006, e la poesia As You Came from The Holy Land scritta da Raleigh nel 1592.

Poeta, scrittore oltre che navigatore, cortigiano ed esploratore. Raleigh ebbe una vita travagliata e finì i suoi giorni tragicamente, sommerso dai debiti. Il suo nome è inoltre legato alla fondazione di uno dei primi insediamenti nell’odierno Nord America e alla inspiegabile sparizione di 117 pionieri. Salparono da un porto inglese nel 1587 per approdare sull’isola di Roanoke con l’obiettivo di stabilirvisi, sotto la guida di Raleigh. Quando vi tornò, tre anni dopo, non trovò nessuno. Neanche i resti: erano come volatilizzati. Fu sempre lui ad organizzare le prime e infruttuose ricerche. Ma i coloni non furono mai più ritrovati.

Il mistero di Roanoke, è oggi uno dei più noti e studiati della storia.

Per Wikipedia la parola “Lirica” deriva dalla parola greca λυρική (lyrikē, sottinteso poiesis, “(poesia) che si accompagna con la lira”). As You Came from The Holy Land è nata come lirica e immagino i cantastorie che la interpretano, durante le lunghe traversate oceaniche dello stesso scrittore. Canta l’amore eterno: “Ma il vero amore è un fuoco duraturo, che brucia per sempre nella mente / Mai malato, mai vecchio, mai morto / che non si volge mai altrove”.

Sono invece decadenti i versi di Love Is A Losing Game: “L’amore è un gioco a perdere, che non avrei mai voluto giocare / Che casino abbiamo combinato e ora l’ultimo fotogramma / L’amore è un gioco a perdere”.

Entrambe parlano d’amore, ma in modo diverso, come vediamo anche nella seguente sintesi dei due testi.

Amy Winehouse – Love Is A Losing Game

. . . For you I was a flame

Love is a losing game

Five storey fire as you came

Love is a losing game

Why do I wish I never played

Oh, what a mess we made

And now the final frame

Love is a losing game

Played out by the band love is a losing hand . . .

Sir Walter Raleigh – As You Came from The Holy Land

. . . As you came from the holy land

Of Walsinghame,

Met you not with my true love

By the way as you came?

How shall I know your true love,

That have met many one,

As I went to the holy land,

That have come, that have gone?

She is neither white nor brown,

But as the heavens fair;

There is none hath a form so divine In the earth or the air . . .

Di seguito il video ufficiale di Love Is A Losing Game.

Il video non doveva essere così, nelle intenzioni dei produttori. Si narra che nei giorni stabiliti per le riprese Amy non si presentò, forse a causa di qualche bevuta di troppo. La casa discografica perse alcune migliaia di dollari e decise di realizzarlo comunque, utilizzando un insieme di immagini e filmati della diva. In alcuni fotogrammi è riconoscibile anche l’allora fidanzato Blake Fielder-Civil. Il risultato finale non stona con il brano, peraltro molto malinconico. Sembra un video-ricordo postumo, ma era soltanto il 2007.

Ideale conclusione dell’articolo, è questo suo ultimo evocativo filmato musicale, che sembra realizzato proprio per dare l’addio ad amori e demoni. Epitaffio della sua tormentata esistenza, fatta di giochi a perdere.

L’articolo completo su Knife

(Alberto Cattaneo)


This entry was posted in Sette Note in Nero and tagged , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.