Tag Archives: alessandro girola

Creature, leggende e streghe della Val di Fassa

Oggi l’Almanacco del Crepuscolo vi porta in Val di Fassa, luogo sospeso tra sogno e realtà, situato nel Trentino orientale e facente parte delle bellissime valli dolomitiche.
Come tutte le regioni ricche di tradizone popolare anche la Val di Fassa è stata a lungo caratterizzata da quella singolare commistione tra religione e folklore che apparteneva a tutta l’Italia rurale del secolo scorso.
In questa valle era forte la credenza che delle creature riconducibili in qualche modo al “Piccolo Popolo” abitassero boschi, monti e fonti d’acqua, praticamente a pochi passi da dove gli esseri umani avevano i loro villaggi e i loro pascoli.…
[Leggi tutto ...]

Posted in Almanacco del crepuscolo | Tagged , | Leave a comment

La Casa del Diavolo e l’Orrido di Bellano

L’Orrido

Per cercare posti misteriosi e suggestivi a volte basta davvero mettere il naso fuori dalla porta. Non occorre infatti visitare il Maine kinghiano o il New England reinterpretato da H.P. Lovecraft per imbattersi in luoghi ricchi di fascino e di leggende inquietanti. Ne sono esempio la Casa del Diavolo e l’Orrido di Bellano, attigui l’uno all’altro ed entrambi situati sul Lago di Como, solitamente noto per le bellezze naturali e non per i richiami tenebrosi, pur presenti in angoli remoti e impensabili.

Casa del Diavolo

L’Orrido è una gola naturale che si è formata 15 milioni di anni fa dalle acque del torrente Pioverna, che per erosione ha scavato una profonda gola tra Taceno e Bellano.…
[Leggi tutto ...]

Posted in Almanacco del crepuscolo | Tagged , | Comments Off on La Casa del Diavolo e l’Orrido di Bellano

L’hotel maledetto di Bordighera

Fine ‘800, Bordighera, dalle parti della Via Romana. Adolf Angst, ricco imprenditore svizzero, arriva in paese con un obiettivo preciso in testa: costruire un lussuoso albergo e farne il fulcro del turismo borghese di mezza Europa. Angst aveva infatti intuito il potenziale di Bordighera, già allora meta ambita di molti villeggianti. Il terreno ideale per edificare la prestigiosa struttura era occupato però da un’unica casa, abitata da un’anziana signora di nome Ghella. Angst le fece molte pressioni per convincerla a vendere la casa, ma senza successo. La donna non voleva sapere di andarsene. Finché una notte un incendio divampò nella casa, bruciandola da cima a fondo.…
[Leggi tutto ...]

Posted in Almanacco del crepuscolo | Tagged , | 2 Comments