300 Parole per un incubo

300Con piacere riceviamo e diffondiamo il seguente comunicato.

È iniziata la 14^ edizione 2015 del 300 Parole Per Un Incubo, il concorso di Scheletri riservato ai racconti horror di massimo 300 parole.

REGOLE DEL CONCORSO
Per partecipare è necessario:
(1) Inviare un racconto di genere horror (deve possedere elementi soprannaturali: mostri, creature, vampiri, zombi, fantasmi, streghe, ecc.) di massimo 300 parole (escluso il titolo) entro il 31 ottobre 2015
(2) Il racconto non deve essere già presente in questo sito
(3) Pagare la quota di iscrizione entro il 31 ottobre 2015. Per i pagamenti con bonifico/bollettino inviare la scansione del pagamento entro il 31 ottobre 2015
(4) Se il racconto non è idoneo la quota di iscrizione non verrà restituita
(5) Ogni autore può inviare un solo racconto
(6) Non è consentito correggere il racconto inviato

Tutti i racconti in gara verranno pubblicati su Scheletri.com.

PREMI
Il primo classificato vincerà un Buono Regalo Amazon del valore di 50 euro.
Premio Zombi: indipendentemente dalla classifica finale del “300 Parole Per Un Incubo”, premierà il miglior racconto con la spilla ufficiale.
Ebook: Scheletri.com, indipendentemente dalla classifica finale del “300 Parole Per Un Incubo”, sceglierà alcuni racconti da inserire in un ebook prossimamente scaricabile da questo sito.

INVIO DEI MATERIALI
Dopo aver effettuato il pagamento inviare tutto il materiale a concorso@scheletri.com allegando:
• oggetto della mail 300PAROLE
• nome, cognome, una breve biografia, una foto (facoltativa) e indirizzo di residenza
• immagine (facoltativa: foto o disegno che rappresenti il racconto, il formato è orizzontale)
• titolo e testo del racconto in un file .rtf o .doc

GIURIA DEL CONCORSO
I racconti che partecipano al concorso saranno valutati in forma anonima dalla giuria di Scheletri.

SCADENZA DEL CONCORSO
Il termine per l’invio dei racconti è il 31 ottobre 2015.

Il bando completo è disponibile su Scheletri.com


This entry was posted in News Eventi e Concorsi and tagged . Bookmark the permalink.

Comments are closed.