Vendetta!

Vendetta! di Marie Corelli (Gargoyle Books)
Immaginate che i vostri parenti e amici vi credano morti di colera. Di essere sepolti vivi e di risvegliarvi nella vostra bara. Adesso, immaginate il disperato tentativo di risalire alla luce dagli oscuri meandri della vostra tomba per poi scoprire qualcosa di ancora piu’ terribile… Ebbene, questo e’ solo l’inizio del capolavoro horror vittoriano di Marie Corelli, Vendetta! Resosi conto di quanto accaduto e scoperta un’atroce verita’, il conte Fabio Romani decide di porre in essere la sua vendetta. Irriconoscibile, invecchiato e sfigurato dal colera, il conte assume una nuova identita’ e trova il modo di reinserirsi nell’alta societa’ di Napoli, riallacciando cosi’ sotto mentite spoglie il rapporto con la moglie che lo crede morto. Il tutto per mettere in pratica il suo perverso, diabolico piano di nemesi. Vendetta e’ un opera che celebra la follia, l’orrore e la decadenza umana al massimo stadio di degenerazione, e che ha fatto di Marie Corelli la regina del tardo-gotico di eta’ vittoriana.
Nata con il nome di battesimo di Mary Mackay, la Corelli (1855-1924) era la figlia illegittima di Charles Mackay, famoso giornalista, poeta ed autore di canzoni scozzese, e di Mary Elizabeth Mills. Nel 1866 venne inviata in un collegio a Parigi per la sua educazione e fece ritorno in patria quattro anni dopo. All’eta’ di trent’anni muto’ il suo nome in Corelli, che divenne il suo nome d’arte quando esordi’ nel mondo dell’arte come musicista, sostenendo di essere figlia di un conte italiano e di avere vent’anni. Dopo aver abbandonato la musica, inizio’ a scrivere pubblicando nel 1886 il suo primo racconto dal titolo A Romance of Two Worlds. Divenne famosa in Inghilterra per tre motivi fondamentali: la Regina Vittoria prediligeva i suoi romanzi e dichiaro’ apertamente di attenderne con impazienza l’uscita; la sua personalita’ era autenticamente eccentrica e i suoi libri facevano epoca. Fu ammirata da molti personaggi famosi tra cui Gladstone, Lord Randolph Churchill, Re Edoardo VII e la Regina Alexandra

This entry was posted in News Libri. Bookmark the permalink.

Comments are closed.