L’ironia della scimmia, di Loriano Macchiavelli

Cosa posso dire a proposito di una scimmia?

Non molto, riesco solo a immaginarne una intenta a leggere L’Evoluzione della Specie e dire: “purtroppo in ogni famiglia c’è sempre un figlio degenere!”
Loriano Macchiavelli non ha bisogno di presentazioni. A novembre, Mondadori ripubblicherà il suo L’ironia della scimmia nella collana Omnibus.
Marcella Carlotti, altrimenti nota come Rasputin, è una ladra; ruba macchine di lusso. Le auto però non sono il suo vero bersaglio, sono solo il mezzo che utilizza per appropriarsi di ciò che le interessa davvero: preziose opere d’arte. A dargli la caccia c’è Antonio Sarti della questura di Bologna; sono anni che sospetta di lei, ma non è mai riuscito a coglierla sul fatto e a mettere assieme abbastanza prove per arrestarla. Questa situazione lo conduce ad ascoltare i racconti e le lamentele dei facoltosi derubati. L’ultimo della lista è Giulio Messini, imprenditore e proprietario di una Jeep Grand Cherokee. Tutto sembra essere nella norma e niente dovrebbe riservare grosse sorprese, ma non è così. Sarti riceverà l’inaspettato aiuto di Marcella per ritrovare la jeep.
Rasputin, dopo avere compiuto l’ennesimo furto, si rende conto che nel bagagliaio dell’auto rubata ci sono un cadavere e alcune armi usate durante la seconda guerra mondiale.
Vecchie guerre che tornano a vivere, un misterioso prigioniero in una grotta e un segreto da scoprire nascosto nel quadro rubato da Rasputin. Una storia in cui guardie e ladri si danno la caccia e si seducono, lungo una catena di misteri che li porta sino alle macerie de L’Aquila.

L’ironia della scimmia, di Loriano Macchiavelli, Mondadori collana Omnibus, 250 pagine, € 19,00. Uscita prevista per Novembre.

(Mirko Giacchetti)


This entry was posted in News Libri and tagged , , . Bookmark the permalink.