La bambina senza cuore, di Emanuela Valentini

Tolto il cuore, tolto il problema.
Alzi la mano chi non ha mai conosciuto il cinico deluso che, senza nemmeno essere ubriaco, ha promesso a se stesso e al mondo di non innamorarsi più, mai più! Ne ho conosciuti alcuni e ho sentito delle idee “strepitose” per dichiarare l’incapacità di amare. Secondo me, la migliore di tutte, di quelle nate tra una birra e l’altra, è la meraviglia del “tatuaggio nero”. L’indifeso tenerone, dopo la tremenda delusione, oltre al considerevole aumento di sigarette fumate, si era anche trasformato nel terribile serial cinico sentimentale e manifestava la sua ferma intenzione di tatuarsi sul petto, proprio sul cuore, un enorme strappo nero. Un segno evidente e inequivocabile che manifestasse a tutti l’assoluta e totale assenza di sentimenti nel suo organismo.
Altro che cyborg o uomo macchina. Il nostro voleva essere il primo uomo de-sentimentalizzato completamente biologico.
Niente intersezioni tra carne e metallo, nessuna tecnologia alienante o adesioni all’antico rituale vulcaniano del Kolinahr, altrimenti noto come “asfalta sentimento” o “spazza emozioni”.
Voleva solo un buco nel petto e credeva di avere risolto i suoi problemi.
Forse ignorava che spesso nella vita ci troviamo a inseguire ciò che abbiamo perduto. Inoltre, gettare il cuore, non oltre l’ostacolo, ma nella spazzatura, mi sembrava un’idea molto stupida.
Se il tenerone avesse fatto questa scelta, anche solo simbolicamente, forse avrebbe passato il resto della vita a ricalcare il destino de La bambina senza cuore, il romanzo di esordio della collana Speechless Books scritto da Emanuela Valentini. Un’opera che nasce per essere ascoltata oltre che letta e guardata; non troverete solo delle parole scritte, ma anche le illustrazioni di Giampiero Wallnofer, la grafica di Petra Zari e la voce di Cristina Caparrelli.
Tutto parte a Whisperwood nel 1890 quando Lola, una bambina di dodici anni, si risveglia nella neve e non ricorda più nulla. L’unico indizio a sua disposizione è uno squarcio sul petto. Un gesto efferato che ha dovuto subire. Nel 1990 la vita di Nathan cambierà per sempre quando infrangerà il coprifuoco che vige da cento anni nella piccola cittadina. Durante la scorribanda notturna incontrerà Lola, la pallida fanciulla che vive in un cimitero in compagnia di un gargoyle con la pelle di pietra e il cuore di un poeta. Insieme dovranno affrontare un’antica maledizione, un viaggio a ritroso nel tempo e un lungo e tortuoso cammino verso la verità.

La bambina senza cuore, di Emanuela Valentini. Speechless Books. 300 pagine. € 15,00. Disponibile anche in versione digitale.

(Mirko Giacchetti)


This entry was posted in News Libri and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.