Black City

“Black City” di Victor Gischler (Newton Compton)
In libreria dal 17 febbraio il nuovo romanzo di Victor Gischler, “Black City”. Il mondo sembra arrivato alla fine: epidemie, terremoti, crac finanziari e attentati minacciano di distruggere la civiltà. Mortimer Tate, agente assicurativo fresco di divorzio, decide di ritirarsi in solitudine su una montagna del Tennessee, con scorte di viveri e armi. Passano ben nove anni prima che decida finalmente di scendere a valle per scoprire cosa ne è stato del mondo che conosceva. È così che Mortimer si ritrova in un paesaggio surreale. L’America non esiste più. Quel poco che rimane dell’umanità si raccoglie intorno ai club di strip tease di Joey Armageddon, tra birra ghiacciata, ballerine di lap dance e buttafuori armati di fucili. Accompagnato da pochi sopravvissuti – il cowboy Bill, la spogliarellista Sheila e Ted, l’uomo delle montagne – Mortimer affronta pericoli, violenza e devastazione, fino ad arrivare alla città perduta di Atlanta, dove lo attende una sfida che può determinare il futuro della civiltà…
 
Un viaggio spericolato tra cannibali, schiavisti, pericoli di ogni tipo, in un’atmosfera di devastante squallore… Ma non è il solito romanzo che gioca con il tema della fine del mondo. È un libro divertente, ma anche serio, violento, profondo, che sottende un’intelligente satira della società americana. Un libro che vuole tenerci col fiato sospeso dall’inizio alla fine.

leggi on line un estratto del libro in formato PDF

Victor Gischler è uno scrittore statunitense, autore di romanzi gialli hard boiled e sceneggiatore di fumetti per la Marvel Comics (The Punisher, Wolverine, Deadpool). E’ stato a lungo docente di Scrittura creativa alla Rogers State University, in Oklahoma, ed è autore di sette romanzi tradotti in varie lingue. Il romanzo d’esordio del 2001, La gabbia delle scimmie (Meridiano Zero), gli è valso una candidatura al Premio Edgar, mentre per Shotgun Opera è stato finalista dell’Anthony Award. Ultima pubblicazione in Italia, Anche i poeti uccidono (Meridiano Zero).

This entry was posted in News Libri. Bookmark the permalink.

Comments are closed.