Novità: The Last Days of American Crime, di Rick Remender e Greg Tocchini

L’urgenza della situazione ci impone…

Può essere approvata una legge contro la giustizia? La risposta è sì. Quando viene approvata, non è più considerata ingiusta e cambia, in peggio, il concetto di giustizia che regola la comunità che l’ha adottata. Proviamo a fare un esempio per chiarirci le idee.
Prendiamo due lingotti, uno d’oro e l’altro di pirite (l’oro degli sciocchi); li fondiamo insieme e ne otteniamo un nuovo. A chi non è in grado di cogliere la differenza, sembrerà un lingotto d’oro che, pesando di più, varrà molto di più. Un esperto, invece, capirà che l’oro di cui è composto il lingotto ha perso valore, poiché si è legato con un materiale meno pregiato. Pesa di più, ma vale molto di meno.
La prima domanda può essere: perché approvare una legge ingiusta?
Una delle risposte più comuni è: l’urgenza della situazione ci impone…
Interessi economici o motivazioni egoistiche di una parte sociale possono essere alcune delle ragioni nascoste in un’azione simile. Queste leggi particolari risolvono solo parzialmente il problema, reale o creato che sia, per cui sono state approvate. Nel peggiore dei casi risolve il problema cancellando la situazione in cui è nato, modificando però negativamente l’assetto della comunità; come si usa dire: buttare via il bambino con l’acqua sporca.
Occorre legiferare con moderazione e sorvegliare sempre.
Ogni legge limita, in parte, la libertà dei singoli in nome del benessere comune; di fronte alla legge siamo tutti uguali, ma ognuno sa di essere diverso dagli altri. Questi due concetti sono rinchiusi dentro i nostri pensieri e non li avviciniamo mai, altrimenti ci sarebbe un bel cortocircuito. Nella realtà siamo diversi da tutti gli altri, ma quando ci avviciniamo ai confini della legge, capiamo di condividere con gli altri gli stessi diritti e doveri per vivere serenamente, ma solo se la legge è “giusta”.
The Last Day of American Crime di Rick Remender e Greg Tocchini è un fumetto nel quale si immagina un futuro in cui la società Americana sarà alle prese con una legge ingiusta che autorizzerà la messa in onda di un segnale che inibisce la volontà di commettere reati. L’urgenza di combattere il terrorismo e prevenire la criminalità contro il “trascurabile” dettaglio di limitare la libertà di pensiero. Un mondo dove nessuno trasgredisce più la legge grazie a una legge che viola la libertà personale. Un mondo in cui tutti sono buoni: l’incubo del Diavolo.
Per distrarre l’opinione pubblica, il governo idea un nuovo sistema di pagamenti con carte digitali. In questo scenario si muove una mezza tacca del crimine: Graham Brick e il suo sogno di rubare una di queste macchine per vivere con i fondi illimitati del governo. Mentre la banda organizza il colpo, i giornali annunciano la messa in onda del segnale anticrimine.
Graham e soci compiranno la rapina del secolo oppure l’ultimo crimine della storia americana?

The Last Day of American Crime di Rick Remender  e Greg Tocchini, Comma 22 Edizioni, 168 pagine a colori, €15 euro.

(Mirko Giacchetti)


This entry was posted in News Fumetti and tagged , . Bookmark the permalink.