Pavlov’s dogs, di D.L. Snell e Thom Brannan

pavlovs_dogs_armata_dei_lupikindle-300x400L’idea di fondo mi ha colpito immediatamente, licantropi inseriti in una apocalisse zombie? Cool!
E devo dire che, a ben vedere, non si tratta dei classici lupi mannari, quelli del romanzo sono infatti soldati addestrati, assoggettati a un esperimento grazie al quale possono trasformarsi, a comando, in grossi lupi su due zampe dalle straordinarie capacità rigenerative. In realtà, più che in lupi essi mutano in Cani – ed è così che vengono chiamati da tutti, scienziati compresi – hanno una loro gerarchia di branco che dovrebbe garantirne l’efficienza – dico dovrebbe a ragione – e un codice d’onore radicato nel profondo.
Purtroppo, però, non tutti i Cani sono stati un successo dal punto di vista dell’esperimento e va da sé che l’unico venuto fuori male diventerà la pecora nera che porterà il branco allo sfaldamento. Se poi ci si mette anche l’ego di un ricercatore arrogante e pieno di sé, capite bene che per gli umani non potrà finire molto bene.
Così, tra zombie e Cani – un’arma a doppio taglio, è il caso di dirlo – il gruppo di sopravvissuti dovrà fare affidamento sulle proprie forze per scampare all’inevitabile massacro.
Un romanzo che si fonda soprattutto sull’azione, cruenta al punto giusto, e su un soggetto interessante, che purtroppo risente però di una trama un pochino scontata e di personaggi francamente piatti, di cui gli autori sembrano poco inclini a parlare. Eccetto i due protagonisti, i comprimari sono soltanto nomi da dare in pasto agli zombie.
Nel complesso una lettura gradevole, fluida, supportata da una buona ambientazione che avrebbe però potuto, con una maggiore attenzione per i personaggi e la loro psicologia, rendere di più. Consigliato agli amanti di zombie in cerca di una storia originale.
Tre coltelli.

terzo occhiop tre coltelli

(Daniele Picciuti)


This entry was posted in Il Terzo Occhio - Recensioni and tagged , . Bookmark the permalink.

Comments are closed.