Hemlock Grove: un luogo senza ritorno

hemlock_zps8d018dfb-1_zpsef6732f5Hemlock Grove è la tipica cittadina di provincia americana dove non vorreste vivere, sopratutto se tra i suoi abitanti si aggirano entità soprannaturali che sarebbe meglio non incontrare.

Questa serie tv, ideata per Netflix da Brian McGreevy (autore del romanzo omonimo) e Lee Shipman, vede tra i suoi protagonisti principali due attori di spessore come Dougray Scott (Hitman- L’assassino, Enigma) e Famke Janssen (nota soprattutto per il ruolo di Jean Grey nei film sugli X-Men, sebbene non siano i protagonisti principali, ma abbiano comunque ruoli fondamentali.

Al centro delle due stagioni finora trasmesse troviamo Roman Godfrey (Bill Skarsgard) e Peter Rumancek (Landon Liboiron), due ragazzi che frequentano lo stesso liceo. Roman è figlio dei Godfrey, i veri padroni della cittadina. Sua madre Olivia (la Janssen) nasconde terribili segreti tra cui l’appartenenza della famiglia alla razza Upir (una sorta di vampiri). Peter appartiene invece a una famiglia di zingari e anche lui ha i suoi segreti, essendo niente meno che un Licantropo. Se vi sembra che finora abbiamo spoilerato, state tranquilli: fin dall’inizio della serie si subodora come stanno le cose e d’altronde non sono questi “segreti” il vero plot della storia, ma una serie di omicidi che portano entrambi i ragazzi a essere indagati.

Il finale è spiazzante e la seconda stagione non è certo meno drammatica. I personaggi “superstiti” della prima andranno rapidamente incontro a nuove scoperte e rivelazioni che non faranno che costare la vita a qualcun altro di loro, al termine della serie.

La prima stagione è approdata in Italia a gennaio su Mya, mentre la terza stagione americana è in preparazione – pare che sarà l’ultima, ma non si può mai dire – e ci aspettiamo che tutte le carte messe in tavola e quanto lasciato in sospeso finiscano per ricomporsi per dare una chiusura soddisfacente. Hemlock_Grove_Season_2

Hemlock Grove è cupo, teso, d’atmosfera, c’è molto sovrannaturale tra le righe, ma ciò che emerge più nitidamente sono le relazioni tra i vari personaggi, gli odi e gli amori, i sotterfugi e i tradimenti, i segreti e le menzogne, ma soprattutto l’amicizia tra Roman e Peter che sembra andare oltre la diversità di razza (sovrannaturale) e di ceto sociale.

Qui trovate il trailer.

Nel cast troviamo anche Penelope Mitchell, Freya Tingley, Tiio Horn (Defiance, The Wild Hunt, Immortals), Joel De La Fuente, Lili Taylor (The Conjuring – L’evocazione, Ramsom – Il riscatto, Almost Human), Aaron Douglas e Kandyse McClure (entrambi già visti in Battlestar Galactica) e Madeline Brewer. Dalla terza stagione farà la sua comparsa anche l’astro in ascesa Camille De Pazzis (The Following, Last Resort).

Tre coltelli.

(Daniele Picciuti)

terzo occhiop tre coltelli


This entry was posted in Il Terzo Occhio - Recensioni. Bookmark the permalink.

Comments are closed.